cucina salotto open space

Cucina e salotto open space o divisi? L’approccio Feng Shui

Meglio realizzare cucina e salotto open space o lasciare i due ambienti separati?

Ciao, sono Caterina, architetto del benessere e feng shui e oggi rispondo a questa domanda che mi avete fatto su Instagram, per raccontare anche a te gli aspetti principali da valutare nella scelta.

Prima di iniziare ricordati di accedere anche alle risorse riservate in regalo per te, che ti aiuteranno a migliorare la tua casa fin da subito per viverla con più benessere, armonia e felicità.

La casa come corpo: fronte e retro

Il Feng Shui considera la nostra casa come un’estensione del nostro corpo e del nostro mondo interiore.

Scegliamo una casa perché risuona con noi, per motivi anche e sopratutto inconsci, dei quali spesso non siamo del tutto consapevoli. E al suo interno prendono vita e forma tutte le nostre dinamiche personali e di vita.

Il nostro corpo ha una parte frontale più aperta. Qui sono collocati la bocca e gli occhi, che ci consentono di vedere e guardare in avanti.

Così, la posizione ottimale cucina e soggiorno è proprio sul davanti di casa, in una zona più attiva e dinamica, con maggiori aperture, visuale, luce e vivacità.

Questo da un lato ci consentirà di avere un buon controllo del territorio e una sensazione di maggiore vitalità per svolgere le nostre attività quotidiane.

Dall’altro, a livello simbolico, ci trasmetterà anche una chiara direzione di vita. Dove guardo? In che direzione vado? Che cosa vedo? Ci sono abbastanza luce e visuale davanti a me?

Prima di valutare se realizzare cucina e salotto open space o due ambienti separati, è quindi importante posizionare le funzioni giorno nella zona più luminosa, attiva e vivace di casa, e possibilmente con la visuale più aperta.

Salone e cucina open space: il concetto di yin e yang

L’altra associazione tra casa e corpo che fa il Feng Shui riguarda le due parti “maschile” e “femminile” presenti in ciascuno di noi, anche in relazione agli emisferi nel nostro cervello.

La parte sinistra del nostro cervello-organismo-casa è associata alla parte yang, maschile, più razionale, logica e organizzativa, al nostro “pensare con la testa”.

La parte destra, yin, femminile, è invece legata all’ intuito, la creatività, l’istinto, al nostro “sentire con il corpo e la pancia”.

L’obiettivo, secondo la visione Feng Shui e, più in generale, la filosofia taoista da cui attinge, è proprio superare questa dualità e creare maggiore armonia e comunicazione possibile tra questi aspetti di ciascuno di noi.

Dando importanza al nostro sentire profondo, alle emozioni, all’intuito, al pari della nostra parte più razionale e logica, per vivere una vita più piena e appagante.

ACCEDI AI REGALI

Accedi ai contenuti esclusivi in regalo per migliorare i tuoi spazi e il tuo benessere a casa concentrandoti sugli aspetti più importanti

Lo yin e lo yang, principio maschile e femminile, sono presenti in tutto ciò che ci circonda

Governano il mondo e l’umanità intera, e vanno quindi considerati insieme, trattandoli alla pari.

Ecco come, di conseguenza, diventa fondamentale dare la stessa importanza alla parte destra e sinistra della nostra casa, parti simboliche della nostra interiorità e anche del nostro nucleo familiare.

Una volta collocati cucina e soggiorno sul davanti, occorre quindi farli comunicare, dare loro lo stesso spazio di movimento, luce, respiro e senso di accoglienza.

Questo però non significa che i due ambienti debbano per forza diventare uno solo.

Ecco quindi qualche esempio e consiglio sulle soluzioni puoi utilizzare per creare comunque una buona armonia e relazione tra i due spazi, a seconda della situazione.

Cucina e salotto open space o separati? Primo esempio

Se hai una zona giorno molto ampia e una cucina che, più che un ambiente effettivo, è un cucinotto molto piccolo, magari anche scomodo e poco illuminato, il mio consiglio è di integrare i due ambienti.

Lasciandoli separati, infatti, percepirai una sensazione molto differente tra le due stanze: in una di grande respiro e spazio di movimento, nell’altra di compressione e scomodità.

Simbolicamente, è come se stessi dando più valore a una sola delle due parti di te, lasciando completamente in secondo piano l’altra.

arredare open space cucina soggiorno

Cucina e salotto open space o separati? Secondo esempio

Se invece cucina e soggiorno di casa tua hanno già entrambi una dimensione comoda, luce e spazio a sufficienza, puoi valutare di lasciarli separati. Ma anche in questo caso presta attenzione al comfort nei movimenti di passaggio tra i due.

Non vuoi unirli per una questione di odori, privacy o gusto personale?

Puoi creare una grande apertura di collegamento, utilizzare una porta scorrevole o vetrata, per far entrare la stessa quantità di luce e muoverti comodamente da una parte all’altra.

Infine, per definire meglio due ambienti, puoi utilizzare anche soluzioni come arredi o filtri, come ti avevo raccontato qui.

Riassumendo, i miei consigli generali per la zona giorno

Cerca di creare una comoda comunicazione tra cucina e soggiorno di casa, organizzali in modo da percepire la stessa comodità e fluidità di movimento.

Usa colori, materiali e stili di arredo simili, così da percepire una sensazione di maggiore armonia e unione tra le parti, sia nella tua casa che dentro di te.

Spero che queste riflessioni e consigli ti siano stati utili. Se vuoi avere una panoramica più dettagliata sugli altri aspetti da considerare per vivere la tua casa e la tua vita con più benessere e felicità attraverso il Feng Shui, accedi alle risorse in regalo riservate agli scritti alla newsletter qui. 

Poi fammi sapere nei commenti: tu preferisci cucina e salotto open space o i due ambienti separati? Intanto ti mando un saluto e a presto!

Caterina, architetto del benessere.

ACCEDI AI REGALI

Accedi ai contenuti esclusivi in regalo, riservati solo agli iscritti alla newsletter, per migliorare i tuoi spazi e il tuo benessere a casa passo dopo passo